Valencia Smartcity completamente intelligente

Smart-City-Valencia-2Una bella notizia per chi ha scommesso su Valencia trasferendosi dall’Italia: la ciudad spagnola è diventata la prima città iberica tra quelle “intelligenti” al cento per cento, grazie alla piattaforma digitale “Vlci” che integra tecnologicamente i principali servizi municipali per migliorare la qualità della vita dei cittadini, ridurre la spesa comunale e migliorare l’efficienza.

Il sindaco di Valencia, Rita Barberá, e l’amministratore delegato di Telefónica a Valencia, Kim Faura, lo hanno detto pubblicamente il 17 febbraio 2015 in un evento per pubblicizzare i vantaggi di questo strumento.  Telefónica è infatti la società che ha sviluppato questa piattaforma.

Contenitori per il riciclaggio, il parcheggio gratuito, il trasporto pubblico, la geolocalizzazione di 3.000 ocations o le procedure amministrative comunali sono alcuni dei dati controllati dalla piattaforma e messi a disposizione di Valencia, dell’università e del Municipio.

Ogni persona avrà tutte le informazioni sulla città nel telefono cellulare o il computer, come si addice ad una città intelligente. La piattaforma consente di raccogliere e digitalizzare i dati di funzionamento e di gestione di 45 diversi servizi comunali che sono integrati in questo strumento software che raccoglie tutte le informazioni, interpreta e deriva sistemi di trasmissione diversi per renderli disponibile ai propri utenti.

Il dispositivo sarebbe in grado di gestire migliaia di dispositivi in ​​tempo reale e trasformare i dati in informazioni utili, e la piattaforma è stata creata per l’innovazione dell’ecosistema di Valencia per diventare totalmente “smart city“.

“VCLI” facilita il miglioramento del traffico grazie al 3.900 sensori di intensità circolatoria e consente la raccolta dei dati su ingorghi, incidenti, inconvenienti o parcheggi gratuiti e essi possono a loro volta essere visualizzati in tempo reale sul telefonino.

Inoltre il sistema ottimizza la velocità di risposta delle forze di sicurezza, attraverso i localizzatori della polizia locale o i sensori per la rilevazione di incendi boschivi installati a L’Albufera.

Inoltre “VCLI” comprende anche mappe interattive di inquinamento e  livelli di polline nell’aria che consentono l’adozione di misure di prevenzione; la piattaforma rende il risparmio energetico facile per l’illuminazione di regolamentazione e consente di risparmiare sulle risorse idriche per l’irrigazione tramite telecomando.

Valencia Barberá ha sottolineato che  Telefónica è già un leader europeo nel settore, oltre ad essere Valencia la prima città europea che utilizza la tecnologia” fiware” conosciuta come internet del futuro.

La piattaforma è dunque uno strumento di eccellenza per migliorare la qualità dei servizi pubblici e permette anche di ridurre la spesa e ottimizzare l’efficienza della gestione pubblica.

Il sindaco di Valencia ha sottolineato che questa iniziativa si apre  a maggiori opportunità per stabilire nuove strade tra pubblico e privato e raggiungere una eccellente cooperazione, e nel contempo offre un futuro di successo ad aziende, università, ricercatori e la società civile.

 

Per saperne di più: articolo in spagnolo qui

Articoli più letti:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se lei continua a navigare accetta l'istallazione dei cookie.

Chiudi